Cappotto Termico

Il sistema a cappotto termico serve a preservare il microclima di un edificio, isolando in modo sicuro e continuo pareti costituite anche da materiali diversi.
Il cappotto termico è un vero e proprio rivestimento termico, in grado di garantire l’isolamento dal caldo e dal freddo, con tangibile miglioramento del comfort abitativo, un risparmio di costi di gas e/o elettricità per riscaldare e/o rinfrescare i locali, la riduzione dell’impatto di queste energie sull’ambiente.

Perchè fare un cappotto termico?

In un contesto sempre più attento alla qualità della vita e alla salute, non si può fare a meno di pensare anche al comfort abitativo delle nostre case dove si trascorre gran parte del tempo; un edificio ben isolato con cappotto termico assicura una piacevole temperatura interna costante, un’ottima qualità dell’aria senza impurità.

L’aria è più sana: l’isolamento con cappotto termico infatti protegge anche dalle muffe e dai funghi che sono ritenuti causa di aumenti nei problemi di carattere allergico.

All’interno di una casa ben isolata con adeguato cappotto termico non vi sono rumori, questo contribuisce al nostro benessere: i rumori attivano la nostra capacità di veglia anche durante il sonno un ambiente silenzioso consente una buona qualità del sonno e questo ci permette di essere più attivi al nostro risveglio e affrontare la quotidianità con più energia!

Inoltre un edificio ben isolato con il sistema a cappotto termico contribuisce a preservare l’ambiente in cui viviamo e a proteggere il clima della terra; acquista valore di mercato rispetto ad abitazioni mal isolate, oltre a creare vantaggi per le economie regionali e nazionali.

Che tipologie di cappotto termico esistono?

Esistono numero tipologie e qualità di cappotto termico; di seguito vi parleremo del cappotto termico tradizionale e del cappotto termico corazzato.
Il cappotto termico tradizionale consiste nella posa dei pannelli di isolante, che sono quasi sempre rigidi (generalmente polistirene espanso sinterizzato EPS, polistirene espanso estruso XPS, poliuretano, sughero, fibra di legno mineralizzata).

Questi pannelli per cappotto termico esterno hanno dimensioni di circa 60×120 cm (leggermente variabili a seconda del produttore) e sono incollati alla parete, secondo le modalità previste dalle specifiche schede tecniche; spesso, oltre al collante, sono fissati alla chiusura anche mediante appositi tasselli a testa larga.

In seguito, si procede con la stesura dello strato aggrappante e della rete in fibra di vetro, che consentono una perfetta adesione fra il materiale coibente e la finitura.
Nel caso in cui si opti per l’intonaco, questo è generalmente steso manualmente o a spruzzo (e lisciato a frattazzo) ed ha uno spessore di pochi millimetri; senza la rete in fibra di vetro, non vi sarebbe perfetta aderenza fra i due strati e si rischierebbe il distacco dall’isolante.

La lavorazione che conclude la posa del cappotto termico esterno è la tinteggiatura o, a seconda del produttore, la posa di un tonachino colorato di finitura.

Immagine di esempio della stratigrafia del cappotto termico tradizionale.

Cappotto termico tradizionale.

Esempio stratigrafia del cappotto termico tradizionale.

Il sistema a cappotto termico corazzato invece è già completo di finitura in pietra a vista, e consente la posa senza rasatura in opera, ideale anche per ristrutturazioni e risanamenti protettivi.
Il cappotto termico corazzato con pannelli isolanti Wall System è stato concepito per resistere alle intemperie, anche quelle più severe come grandine e forti piogge, grazie al loro incastro sigillante a doppio battente e al rivestimento corazzato, offre quindi una protezione totale, isolando in maniera ottimale dal freddo e dal caldo.

Il cappotto termico corazzato è un sistema modulare che offre molteplici vantaggi per rendere l’applicazione facile, pulita, veloce e priva di ponti termici; rispetto ai sistemi di isolamento tradizionali (che hanno una superficie globale), evita il rischio di screpolature dovute ai piccoli movimenti dell’ edificio e dilatazioni termiche.

Il fissaggio del cappotto termico corazzato avviene mediante colla sul retro e tasselli a scomparsa tra le due battentature, oppure mediante degli appositi profili metallici tra un pannello e l’altro fissati con tasselli, in base al tipo di supporto.

Per il cappotto termico corazzato sono disponibili inoltre i pannelli nella versione ventilata o sistema di posa areata con molteplici soluzioni per decorazioni e rivestimenti sia per esterni che per interni.

Cappotto termico corazzato

Cappotto termico corazzato.

Esempio di pannelli prefiniti per la realizzazione del cappotto termico corazzato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login